L’attesa di Giovanni Perna #SalEmp

Sirene – di Giovanni Perna
Io non so chi di voi ha visto la fiction.

Però se state a leggere qua, immagino che Martedì stavate a vedere la Salernitana.

Altrimenti, che ci state a fare.

Ecco, Martedì la Salernitana teneva la maglia bianca, e per 20’ mi hanno fatto sacramentare.

Perché pensavo si fosse rotto il decoder.

E che invece di un canale di calcio “normale”, si fosse incastrato tutto su FoxSport.

Il Real, sembrava di vedere giocare il Real.

E se dopo quel 2-3 che manco vale la pena di ricordare contro chi ho pensato: “Adesso non serve più dire: lo puoi fare, basta dire: rifallo”, la questione adesso diventa calda, caldissima.

Perché uno o lo tiene o non lo tiene.

E, se è vero che i risultati contano e le chiacchiere stanno a zero, il tizio di Poggio Rusco comincia ad avere ragione.

Allora perché, mentre scrivo, a meno di 24 ore dalla prossima partita i tagliandi staccati dalla parte nostra sono 2580?

Perché gli ultras mettono striscioni per invitare la gente allo Stadio?

Aggiungendo pure i 3381 abbonati, sono questi numeri da Salernitana? Pure con la Crisi economica, pure con la diretta TV?

Per la prima volta in zona playoff nella sua Storia di cadetteria recente, in casa con la capolista, prima di una doppia casalinga.

Per molto meno, in passato, ma mica il passato remoto, le file ai botteghini erano chilometriche.

Il dato questo è, si respira aria di serie A.

Ma la gente sembra non crederci. Perché?

Qualche bello spirito(so) ha scritto che è colpa delle chiacchiere destabilizzanti.

A parte la ridicola attribuzione di poteri, fa sorridere (in realtà piangere) la ristrettezza e l’omologazione del lessico.

Sempre quelle parole: destabilizzante, non costruttivo, capzioso.

A dimostrazione che il maître à penser non deve essere per forza un intellettuale.

Ognuno si sceglie quello che può.

E se invece la risposta a quel “perché” fosse diversa.

Se fosse, che so, opposta?

Voglio dire, non sarà mica che in questi anni si è sottaciuto in molti casi, rappresentato in maniera opposta una realtà solare in molte delle cose che gravitavano attorno all’Amato Bene?

È un’interpretazione che vale come le altre. Oziosa, se si vuole.

Neanche a me interessa tanto.

Ho la Fortuna di poter dire che, se i granata vincono, posso essere contento. Per me e basta.

E non per padroni e padroncini.

Ma io, e qualche altro migliaio, siamo una cosa.

Poi ci sono quelli che alle Sirene non credono, e quelli che invece vogliono sentire solo quello.

Questi ultimi saranno i più incazzati se dovessero scoprire che le Sirene illudono.

Altrimenti, tutti felici. Chi per ragioni di cuore, chi per motivi di bottega.

Ad ognuno il godimento suo.


Salernitana-Empoli @stadio “Arechi” – 28 Ottobre 2017

A cura di Giovanni Perna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...