L’attesa di Giovanni Perna. #SalTer

Spagna-Italia. Vedersela da soli non è proprio una passeggiata di salute.Ti viene da pensare che qualcuno abbia dimenticato la PlayStation accesa.

Chè quello stadio così perfetto, tutto pieno, tutto rosso sembra disegnato da un computer.

E quanto a quel che accade sul campo non ti dico e non ti conto.

Dalla parte sbagliata, c’è mica bisogno di ricordarmelo.

Spagna-Italia. Io l’ho vista, più o meno, con Fabrizio.

Per convincerlo gli ho offerto un calice del mio bianco. “Via del Campo” si chiama, poteva mai dire di no?

– Vedi, Fabrizio, stasera ti ho invitato ma questo non è precisamente il Calcio mio. O meglio, questo sarebbe il Calcio bello, ma non è il mio. Mi è difficile spiegartelo, tu il Calcio non lo segui.
La risata, educata ma sarcastica.
– E chi te l’ha detto?

– Chi? Ne hai scritte mille, mai una sul pallone.

– Avevo una malattia. Si chiama Genoa. Ma non mi piacevano gli inni, somigliano alle marce. Le canzoni più belle son quelle che vengono dalle gradinate. Ed io… Io ero troppo coinvolto.
Non credo abbia più detto una parola. E credo abbia finito il suo calice. Dico “credo” perché la nuvola di fumo delle sue sigarette mi impediva di vederlo.

E io non l’ho contraddetto. Solo, mentre Isco demoliva il 4-2-4 di Ventura, pensavo: non è mica vero.

Nascosta in codice, come solo i geni sanno fare, Fabrizio una canzone sul Calcio l’aveva scritta.

Che si chiamava come quel vino.

Che forse via del Campo sarà pure una strada ma ha un nome che evoca pallone.

E parla d’amore, una donna o una squadra fa differenza?

Amore che ha mille forme, irragionevole persino se l’evidenza dice che amare non dovresti, irragionevole se vedi il candore di un pallone che gonfia la rete in mezzo al degrado.

Lo vedi, Fabrizio, che hai scritto di Calcio, anzi, del Calcio mio?

La domanda solo pensata non ha avuto risposta, chè quando Morata ha finito quel che Isco aveva iniziato Fabrizio non c’era già più.

Solo un biglietto, vicino al posacenere.

Un foglietto di carta, un biglietto per trovare la via del Campo.

E non c’erano i diamanti ed il letame che tutti citano, no.
    – ama e ridi se amor risponde 

        piangi forte se non ti sente –
Lunedì sera si ricomincia.


Salernitana-Ternana @Stadio Arechi, 4 Settembre 2017

A cura di Giovanni Perna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...