A bocce ferme: diario di un campionato grigio #SalNov

Abbiamo impegnato diverse ore per commentare Salernitana Novara perchè faticavamo a trovare spunti nuovi da porre all’attenzione, diversi da quelli che sono sotto gli occhi di tutti da mesi ormai.

Così come sabato abbiamo impegnato diversi minuti a capire chi era quella squadra con la maglia grigia ed ad abituarmi a questo colore strano ma che ben si intona con questo campionato effettivamente grigio. Poi sarà il patron Lotito a spiegarci che è stata una mossa del marketing per vendere più maglie e che lo stesso Lotito non era d’accordo con questa scelta e preferiva la maglia “rossa”.

Si la rossa, con quel flash gordon sul petto.

Ma passiamoci sopra, altrimenti in tanti (anche tifosi granata) ci additeranno per provinciali. Tante squadre sfoggiano divise con colorazioni dubbie per puri scopi commerciali, ora perchè ne dovremmo fare una questione? Ci mancherebbe. Vogliamo però solamente ricordare a chi gestisce l’area marketing della Salernitana (e non è Lotito) che se la maglia grigia non vende è perchè evidentemente non piace o perchè la qualità delle maglie non è il massimo. Eppure sarebbe bastato fare uno studio sulla storia della Salernitana per presentare una maglia bianco celeste con dettagli granata che richiamasse i fasti antichi della nostra storia, che io per primo, avrei sicuramente acquistato. Ma forse chi dirige l’area marketing della Salernitana ha bisogno di wikipedia per ricercare ciò che è stata la storia della Salernitana.

Prima che ci additiate per provinciali chiudiamo, quindi, velocemente il discorso della maglia grigia. Anche perchè, sembra, che venerdi sera ci sarà il bis.

Bollini ha varato un nuovo modulo e l’ennesimo esperimento a girone di ritorno inoltrato. Bene ma non benissimo. Semplicemente per il fatto che con qualunque modulo scende in campo questa squadra ci saranno sempre delle lacune e dei buchi a causa di una squadra costruita secondo diverse rationes ed altri obiettivi.

Bollini allora deve fare di necessità virtù schierando in campo chi “sta meglio” che comunque, non è servito a non fornire una prova opaca.

Coda da un paio di giornate a questa parte sembra abbandonato tra le grinfie dei difensori avversari. Improta corre tanto, si impegna, ma è tanto fumo: non salta mai l’avversario e sbaglia addirittura due gol.

Rosina non prende in mano questa squadra, ed evidentemente non lo farà mai. Fortunatamente è vincolato da un quadriennale, si spera possa andare meglio l’anno prossimo. Il numero 10 trequartistaaladestrasecondapunta è ancora alla ricerca della sua esatta collocazione in campo: nel frattempo tante finte di dribbling e poca concretezza.

E’ tornato Schiavi in difesa, concentrato e mentalizzato a riprendersi il posto da titolare. Addirittura tuttomercatoweb.com lo inserisce nella TOP 11 di giornata. Mantovani e Luiz Felipe entrano ufficialmente nel dimenticatoio.

Si rivede Odjer in panchina ma, si dice, che sia ancora lontano dal poter scendere in campo. Però la sua presenza in panchina è stata propedeutica all’apologia sul mercato pronunciata da Lotito che assicura che la Salernitana non ha bisogno di alcun rinforzo, soprattutto a centrocampo.

Esordio dal primo minuto per Minala e Bittante che, però, dimostrano di essere ancora in ritardo a cui diamo fiducia.

A fine partita Bollini e squadra infastidita per i fischi. Fischi che più che diretti alla squadra erano indirizzati alla società granata rea di aver offerto anche quest’anno un campionato davvero grigio che sembra portare alla rassegnazione davvero tutti, cassiere dell’Arechi compreso.

Le dichiarazioni del presidente Lotito sicuramente non aiutano e si commentano da sole: “a Salerno dovete imparare prima a dare e poi a ricevere”.

Presidente, personalmente, ad agosto ho dato i miei soldi per l’abbonamento dandovi fiducia a scatola chiusa. Cosa devo dare ancora?

AAA Cercasi co – patron Mezzaroma, speriamo di vederlo presto!

fuga-dallarechi

Foto WILD GROUP

Vecchia, ma sempre attuale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...