Le pagelle del giorno dopo #VerSal

Gomis 6: incolpevole sui due gol, salva la squadra granata dal terzo gol con una buona parata. Giuste le scelte sui rinvii per far ripartire la squadra. Finalmente si nota maggiore tranquillità. Sicurezza.

Perico 5: in ritardo sul secondo gol ha la responsabilità di lasciare Luppi completamente da solo. L’attaccante scaligero riceve palla, se la aggiusta prende la mira e segna. Per il resto del match presidia la sua zona senza soffrire troppo. Mediocre.

Tuia 4.5: la sua doppia disattenzione costa cara; prima sbaglia il rinvio di testa, poi, pur essendo in vantaggio su Pazzini, perde completamente la marcatura regalandogli due metri per staccare indisturbato e trafiggere Gomis. Inadeguato.

Bernardini 6: soffre maledettamente la posizione da centro sinistra di difesa. È inspiegabile perché Bollini non lo schieri al centro a guidare la difesa, visto che é il migliore centrale difensivo in rosa. Sofferente.

Improta 6.5: uno dei migliori del match. Fa tutta la fascia, da una mano in difesa, si inserisce in area, spesso va a posizionarsi al fianco di Coda facendo la seconda punta. Generoso.

Busellato 6.5: è in crescita, alla tanta corsa abbina anche pregevoli giocate con il pallone tra i piedi. Sintomo di maggiore qualità e sicurezza. Peccato per il giallo. Insostituibile.

Ronaldo 6: dopo la partita con lo Spezia anche oggi una prestazione positiva. Tocca molti palloni, lo smista abbastanza bene, subisce falli, cerca il gol trovando il palo. Peccato per le solite amnesie che spesso possono costare caro. Ritrovato.

Della Rocca 4.5: pessima partita. Inconsistente a centrocampo e poco concentrato. Nel primo tempo su un buon cross di Improta colpisce di testa malissimo quando poteva fare male inquadrando la porta. Nel secondo tempo sbaglia incredibilmente un rigore in movimento che avrebbe messo la partita su binari differenti. Bocciato.

Vitale 5.5: non è più quello di inizio campionato e si vede. D’altronde non può rifiatare un attimo perché non ha alcuna valida riserva.  Pisano lo fa ammattire costringendolo a rimanere bloccato in difesa. Appannato.

Rosina 5: evanescente, inconcludente, inconsistente. Avrebbe dovuto prendere per mano la squadra con giocate di personalità, eppure dopo un girone di andata Rosinaldo non ha fatto ancora la differenza. Ieri la sua condizione fisica non era delle migliori ma non è un alibi. Fantasma.

Coda 5.5: quando viene lasciato solo avanti si perde e sbaglia anche le giocate più semplici. Giornata no per il bomber metelliano. Isolato.

Joao Silva 5.5: entra nell’assurda pozione di ala sinistra, ha sulla testa la palla per riaprire la partita ma colpisce senza convinzione poggiandola fuori. Evanescente.

Donnarumma 5.5: con pochi allenamenti nelle gambe è costretto alla panchina ma quando entra non sembra avere la voglia di spaccare il mondo. In partenza?

Bittante s.v.: inutili scampoli di gara. Ingiudicabile.

Bollini 5: schiera la squadra con un miscuglio di tre moduli: 532, 442 e 433, che spinta dalle motivazioni riesce comunque ad esprimere un bel gioco. Discutibile la scelta di schierare Tuia centrale della difesa nella fase di difesa a 3 così come paradossale la posizione di ala sinistra di Joao Silva. Dalla sua, però, ha l’alibi di una rosa incompleta e lacunosa. Indeciso.


A cura di Alessandro Adinolfi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...