“La primavera al centro del progetto” cit.

Si è archiviata un 2016 arido di soddisfazioni e di gioie per la Salernitana. Si può dire esattamente lo stesso, se non peggio, per quanto riguarda il settore giovanile e nello specifico per la squadra primavera della Salernitana. Fare calcio è sempre più difficile, a meno che non ti chiami Real Madrid, e quindi diventa sempre più importante cercare di sfruttare al massimo il proprio potenziale. Qui entra in gioco il settore giovanile, la cantera della società che ha come obiettivo quello di far uscire due o tre ragazzi a stagione pronti a confrontarsi con il palcoscenico del professionismo. I campioni sono senz’altro pochi, ma è sufficiente anche produrre dei giovani capaci solamente di dare una mano alla prima squadra. Proprio perchè è questo l’obiettivo finale, le grandi squadre che investono nel proprio settore giovanile, cercano anche di uniformare la tattica della primavera a quella della prima squadra. Spesso si nota come la primavera cerca di riprodurre i moduli e gli schieramenti studiati dalla prima squadra per facilitare i giovani già pronti ad avvantaggiarsi ed avvicinarsi il più possibile proprio alla prima squadra della società.
A Salerno tutto ciò è solo utopia. 
Spesso i giornalisti hanno chiesto al “presidente” Mezzaroma quale sogno avesse; e lui ha sempre risposto che il suo obiettivo è avere un ottimo settore giovanile capace di sfornare giovani pronti ad affermarsi nel massimo campionato italiano. Beh, i numeri sono impietosi. In questi anni di gestione Lotito-Mezzaroma la società non solo non ha prodotto nessun elemento pronto ad aggregarsi alla prima squadra o pronto per un’esperienza in prestito, ma è stata anche deficiente sulle strutture, sull’organizzazione e sopratutto sui risultati. La classifica attuale è mortificante: 3 punti in 12 partite giocate con una sola vittoria ed undici sconfitte. 


Inoltre gli unici due baby che sembravano avere del potenziale sono stati inspiegabilmente accantonati. Stiamo parlando di Martiniello, di cui si diceva un gran bene, che si è accasato al Campobasso e di Cappiello di cui non è ben nota la situazione. In prestito alla Gelbison? Non ci è dato sapere.

Tornando indietro ricordiamo come, neanche in lega pro allo stesso modo in C1 che in C2, questa società è stata capace di produrre giovani dal vivaio. E si sa che gli under sia in lega pro che in serie B sono fondamentali. Avere un settore giovanile così male organizzato e poco produttivo per una società che afferma di avvalersi di un’organizzazione di serie A, è umiliante. E’ più semplice dire: non puntiamo sui nostri giovani ma preferiamo chiederli in prestito.

Eppure in società ci sono diverse figure che lavorano per il settore giovanile: l’ex difensore Bianchi è dirigente del settore giovanile, l’ex direttore della Paganese Cocchino D’Eboli è capo talent-scout del settore giovanile ed anche il figlio del direttore Fabiani fa parte dello staff. 


Il responsabile è sempre il direttore sportivo dei granata Angelo Mariano Fabiani, che in (costante) assenza della proprietà diventa un tuttofare.

Purtroppo, come abbiamo detto, anche quest’anno la primavera sembra andare male, nonostante gli sforzi della dirigenza che si era spinta addirittura all’estero per assicurare alla primavera dei golden boys. In Australia è stato individuato il giovane difensore Alcorace, in Grecia il portiere Iliadis, ed in Bosnia tramite il Chievo Verona il forte attaccante Cenaj. Proprio quest’ultimo, nei piani della dirigenza, doveva essere la punta di diamante della primavera, pronto a fare la spola con la prima squadra assicurando anche un contributo durante il campionato di serie B. Di lui nessuna traccia, nè con Sannino nè con Bollini. E proprio Cenaj, insieme ad Alcorace e Iliadis sono i più deludenti di una formazione completamente ed assolutamente inadeguata ad affrontare un campionato primavera.

Eppure il direttore Fabiani ci aveva presentato Cenaj come un predestinato.


A cura di Alessandro Adinolfi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...