Chiedete scusa ai tifosi.

Chiedete scusa. La Salernitana ha appena perso il derby contro un Avellino scarso, che probabilmente retrocederà, con una prestazione ridicola. La squadra non è scesa in campo per tutto il primo tempo subendo altri due gol su calcio piazzato che si aggiungono ai tanti già subiti fino ad arrivare a ben undici gol subiti su calcio piazzato. Espulsione generosa ma ingenua dell’inesperto difensore Mantovani ed il portiere bianco verde Frattali mai impensierito. Nel secondo tempo, complice la pochezza dell’Avellino, la Salernitana guidata da Rosina e Busellato ha cercato di fare qualcosa. Ma era troppo tardi, troppo per salvare il Natale. Non serve a nulla appigliarsi a questi “buoni 40 minuti” a partita che questa squadra ci propina da settembre.

Chiedete scusa ai tifosi. I tifosi che, pur di essere presenti, hanno fatto file di ore anche ad Eboli ed a Scafati pagando la bellezza di euro 19.50. Quegli stessi tifosi che oggi hanno lasciato le famiglie a casa subendo l’ennesima e protratta umiliazione. La società (dov’è?) deve chiedere scusa alla città. I due presidenti (beati chi li vede) non sono presenti nè fisicamente nè moralmente, testimonianza questa del minimo interesse che hanno per le sorti della Salernitana. Chiedesse scusa il presidente Lotito che ha bacchettato, per l’ennesima volta, i diecimila dell’Arechi contro il Carpi accorsi per vedere un presepe neanche tanto piacevole da vedere. Chiedessero scusa i presidenti che hanno affermato senza problemi che questa squadra può giocare alla pari con tutti. Chiedesse scusa il direttore Fabiani, reo di aver allestito un’accozzaglia di giocatori che faticano a stare in campo, satura di malumori ed incomprensioni, salvo poi scaricare pochi giorni fa le colpe sulla squadra invitando “ad andare via chi non se la sente”. Chiedesse scusa Bollini per aver deciso di insistere ancora su un Joao Silva inadeguato per la categoria che fa tenerezza e per aver subito, dopo Carpi, altri due gol su calcio piazzato. Sarebbe stato auspicabile che, in quella ora e mezza la Volpe sotto gli occhi dei tifosi, il mister avesse fatto provare unicamente i calci piazzati perché, in difesa prendiamo sempre gol, mentre nei calci piazzati offensivi non la prendiamo mai.

Chiedesse scusa la squadra che oggi ha lasciato la testa da un’altra parte. Non c’è arbitro, espulsione o ingenuità che tenga. Nella partita più sentita del girone di andata la squadra non è scesa in campo dopo essere stata coccolata da 500 “malati” che ieri erano presenti al Volpe. Chiedesse scusa Vitale che, dopo aver addossato le colpe a Sannino per i gol subiti, quest’oggi regala il gol dell’ 1-0 facendosi sfilare sotto al naso Jidayi. Chiedesse scusa Perico che sul secondo gol di Ardemagni era uno spaventapasseri troppo immobile anche per difendere il grano dagli avvoltoi.

Chiedete scusa a chi anche quest’anno soffre, con passione e sacrificio davanti all’ennesimo insipido campionato.

A cura di Alessandro Adinolfi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...