Testa al campionato, no alle chiacchiere di mercato.

La Salernitana ha appena trovato la prima vittoria esterna del campionato che frutta (solamente) la quarta vittoria stagionale e si passa subito da un eccesso all’altro. Si parla di playoff, di rosa completa in ogni reparto e, cosa più grave, si parla di mercato e di “calciatori che vengono richiesti continuamente a dimostrazione della bontà di questo organico”. Ma signori, attenzione, stiamo parlando di una squadra che non è capace di infilare due vittorie consecutive. La stagione appena trascorsa ne è la dimostrazione: le due vittorie consecutive sono arrivate solamente ai play out contro un Lanciano naufragato, derelitto e fallito. Per tutta la durata del campionato la Salernitana ha navigato con le vele spezzate, con un lumicino ad indicare la rotta, cercando di rimanere a galla nella speranza di avvistare terra prima possibile.

Quest’anno sembra che le vele siano in condizioni leggermente migliori, ma la rotta é ancora un’incognita. Eppure si parla di mercato. La situazione in casa granata non era ancora abbastanza destabilizzata, come se non bastasse uno spiffero a compromettere le cose. Ciò che poi avviene puntualmente, dando la colpa alla tifoseria e a Tizio o Caio che hanno rivelato cose di spogliatoio. Il colpo esterno a Frosinone, inaspettato per certi versi ma auspicato dopo la sfortunata trasferta di Bari, potrebbe segnare un’inversione di rotta. Segno che è ancora possibile tracciare un percorso positivo. Si vede finalmente una Salernitana che gioca per vincere e soprattutto senza paura, con coraggio. La scelta personale ed incondizionata di Lotito di virare su Bollini potrebbe rivelarsi vincente: il mister è arrivato in una situazione critica, in una piazza difficile e con un curriculum alle spalle da “novellino” ma è riuscito da subito a cambiare atteggiamento alla squadra. Anche a Bari, dopo sole 48 ore, la squadra aveva iniziato ad acquisire più grinta e maggiore coraggio. L’auspicio è che questa voglia di vincere contraddistingua la Salernitana da qui fino alla fine del campionato. Un plauso va fatto al mister: ha da subito messo in chiaro il suo credo ed il suo modo di giocare con convinzione. Poi, può andare bene o può andare male, ma la coerenza e l’identità della squadra non saranno messe in discussione. Cosa, questa, che il suo predecessore Sannino non è riuscito a fare, alternando moduli e metamorfosi tattiche che si sono rivelate fallaci.

Ma allora perchè parlare di mercato? Perchè destabilizzare un ambiente ed una squadra che sembra aver iniziato a trovare un po di equilibrio?

Ecco Giuffredi che dichiara  apertamente, con ancora tre gare da disputare e 9 importanti, importantissimi punti in palio, che il suo assistito Donnarumma andrà via a gennaio. E allora buone feste anticipate Alfredo, perché sicuro la tua testa non sarà proiettata e concentrata sui nostri 9 punti in palio e chissà quanti altri perché i movimenti last minute dell’ultima ora dell’ultimo giorno di mercato sono ormai un marchio di fabbrica. Si parla di Spezia: sarà uno Sciaudone bis? Un prestito con diritto di riscatto a 1000€? Vedremo.

Pressing dell’Avellino su Laverone, richieste per Coda, Zito verso Foggia: ma la Salernitana ha bisogno di questo? Che la rosa sia incompleta e abbia delle gravi lacune lo abbiamo illustrato analiticamente in un nostro articolo precedente, che questa squadra abbia bisogno di rinforzi di qualità per auspicare ad un campionato tranquillo e che abbia bisogni di rinforzi di grandissima qualità per auspicare ai playoff è fuor di ogni dubbio.

Destabilizzare, però, in questo modo, una squadra fragile come una ampolla di cristallo proprio nel momento in cui sta dimostrando di avere coraggio e voglia di poter uscire da un triste tunnel buio e dare un senso a questo campionato mi sembra una mossa sbagliata e controproducente.

Sarebbe preferibile concentrarci sulle prossime 3 partite cercando di portare a casa più punti possibili, sostenendo con passione la squadra e caricandola in vista del derby del 24 dicembre che potrebbe regalarci un Natale “diverso”.

adobe-spark

A cura di Alessandro Adinolfi.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...